Richiesta d‘azione – Aufruf auf Italienisch

Richiesta d‘azione

Quasi ogni giorno vengono deportate persone dall‘aeroporto di Vienna. Il
diritto di ciascuna persona di vivere dove lei/lui vuole viene violato
sistematicamente.

La logica razzista dietro alla discriminazione razziale basata sul
possesso del giusto passaporto criminalizzandone altri, é sistematica.
Quasi sempre le persone che hanno affrontato rischi seri, torture
fisiche e sfruttamenti finanziari pur di sfuggire a guerre, povertà,
fame, … o che semplicemente vogliono vivere altrove, sono trattate
come illegali e vengono sistematicamente sfruttate, non hanno accesso ad
alcun tipo di educazione, assistenza sanitaria, tutela legale, etc.
Spesso aspettano anni in condizioni precarie per avere un permesso di
soggiorno, per poi essere arrestate, mandate nei campi di detenzione
pre-espatrio e successivamente deportate. Tante si oppongono all‘
espatrio forzato – qualcuno rischiando addirittura la vita. Secondo il
Ministero degli interni in questo momento per esempio un terzo di tutti
i prigionieri nei campi di detenzione pre-espatrio sta facendo lo
sciopero della fame.

Era il 14 settembre 2009 quando Ganganpreet Singh morì dopo quattro
settimane di sciopero della fame – ma non è stato l´unico. Semira Adamu,
Osamuyia Aikpitanhi, Marcus Omofuma… sono solo alcune delle persone
che hanno pagato la resistenza con la morte. Le innumerevoli persone
morte soffocate viaggiando stipate nei Camion verso l‘EUropa o affogate
in mare durante il tentativo di raggiungere una nuova vita, non vengono
neanche più nominate in Austria, tranne – forse – in alcuni giornali in
trafiletti secondari.

La resistenza inizia giá alle frontiere esterne dell‘EUropa, non solo
nei campi di detenzione pre-espatrio. Qui il razzismo globale degli
stati nazionali capitalisti, viene combattuto ogni giorno da persone che
usano i loro corpi e le loro esistenze, per oltrepassare questi confini.

Solidali con tutti quelli che giornalmente combattono il regime di
confine, bisogna lottare per l‘immediata abolizione delle misure di
detenzione e deportazione.

Dobbiamo mandare un segale forte e chiaro, con una giornata d‘azione
colorata, chiassosa e decisa in un luogo centrale per il sistema di
deportazione austriaco.

*Pensate ad** azioni.*

*Siate creativi.*

*Formate gruppi di riferimento.*

*Vestitevi come turisti**.*

*Aboliamo la detenzione**!*

*Aboliamo** la deportazione!*

*L**ibertà di residenza e di movimento per tutte/i!*

*I**mmediatamente!*

Giornata d‘azione: venerdì 23 ottobre alle 13:00 dentro e intorno
all‘aeroporto Internazionale di Vienna ( Schwechat).